4.0
Valutazione Generale
Financer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star icon
Financer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star icon
4.0

Panoramica su Re-Lender

Il lending crowdfunding in Italia assume caratteristiche di rilievo nel panorama economico.

Re-Lender è la prima piattaforma dedicata al settore estate a specializzarsi in progetti di riqualificazione.

Le richieste dei capitali provenienti dalla folla sono orientate alla riconversione industriale, ecologica, immobiliare e tecnologica. Che si tratti di edilizia o di progetti industriali, l’intervento è visto in ottica di miglioramento sotto il profilo sociale, ambientale e della sostenibilità economica.

I progetti sono finanziati in modalità lending, con un prestito verso le imprese richiedenti mediato attraverso Re-Lender.

Il rendimento medio è piuttosto alto, circa il 9% lordo, e altrettanto interessante è la velocità di rientro del capitale, di solito tra i 6 e i 18 mesi.

Investi sui nuovi progetti live

Re-Lender – Come funziona

Anche se è attiva solo dal 2019, la piattaforma Re-Lender è affidabile e ritenuta un punto di riferimento dagli analisti del settore.

È stata fondata da Francesco Marella che rappresenta la terza generazione del gruppo Marella, attivo in ambito immobiliare da oltre 100 anni. Marella ha finanziato su Housers il primo progetto di riconversione immobiliare tramite il veicolo immobiliare Madrò. Quindi, in rapida successione, la fondazione di una piattaforma proprietaria che punta alla riqualificazione edile e, in definitiva, dell’intero territorio.

A capo della sezione marketing, la CMO è Diana Piemari Cereda, in passato in quota Housers con lo stesso incarico.

In Re-Lender il crowdfunding è un mezzo per fornire alle imprese costruttrici i capitali in prestito per la riconversione in ambito immobiliare.

Reconversion Lender è l’idea alla base del progetto. Ed è un’idea felice dal momento che ha già finanziato 13 su 15 progetti presentati in meno di un anno di attività.

In un settore trainante come il lending crowdfunding sul panorama nazionale, Re-Lender si distingue creando una nicchia di settore speciale. Ecco cos’è:

  • Una piattaforma che consente l’incontro tra imprese richiedenti che promuovono il progetto di riconversione e privati prestatori, che possono essere persone fisiche o giuridiche
  • Si appoggia all’istituto di pagamento payArea autorizzato a operare in Italia, opera sotto la vigilanza della Banca di Spagna ed è partner del Banco Sabadel
  • Valutazione in due step della qualità dei progetti presentati. Due diligence da parte di Re-Lender e quindi attribuzione dello scoring da parte di Modefinance, agenzia specializzata nella valutazione del rating di imprese e banche

Re-Lender – I vantaggi per gli investitori

Da febbraio 2020 Re-Lender ha istituito il mercato secondario in cui gli investitori possono vendere in parte o in tutto le quote acquisite durante la prima tornata di finanziamenti.

La sezione Bacheca Lenders offre agli utenti un marketplace dove rivendere o acquistare quote di un finanziamento. È utile per quegli investitori che desiderano riacquisire il capitale investito prima della scadenza del finanziamento.

Non è concesso fare arbitraggio e la vendita delle quote avviene allo stesso prezzo cui sono state acquisite dal finanziatore.

Ogni progetto dispone di una ricca documentazione che serve all’investitore per valutare la rischiosità del progetto e la sua praticabilità. Sono rese note informazioni riguardo:

  • Stato patrimoniale del soggetto richiedente
  • Specifiche sul progetto, con particolare attenzione al cashflow (per lo più non sono coinvolte start-up)
  • Eventuali garanzie accessorie condivise dal promotore, personali o legati alla propria attività, che influenzano il tasso di interesse finale

La bacheca dell’investitore serve anche come canale di comunicazione per evidenziare eventuali ritardi nei pagamenti delle rate per garantire la massima trasparenza.

Con cadenza trimestrale, vengono forniti gli aggiornamenti sullo stato del progetto finanziato.

Re-Lender – Conviene investire nel lending crowdfunding

I guadagni legati all’investimento sulla piattaforma Re-Lender appaiono competitivi e ben al di sopra della media rispetto ai canali tradizionali di investimento cumulativo.

I progetti sono proposti con un tasso di interesse che va dall’8 al 10% su base annua.

I progetti hanno una durata variabile, da un minimo di 6 fino a un massimo di 36 mesi stando ai dati di questo momento.

Sugli interessi viene applicata la tassazione sui guadagni derivati da investimenti su strumenti finanziari per il 26%.

Rendimento Annuo7%
Durata7 mesi
Importo Prestito100.000 €
Commissione Re-Lender5.000 €
Quota interessi lordo4083,31
Quota interessi netto (-26%)3021,69

Le opinioni degli investitori appaiono confermare la tendenza positiva che ha caratterizzato il lavoro della piattaforma negli ultimi mesi.

I progetti vengono finanziati con successo in poche ore e raccolgono una ricca platea di investitori.

Questo anche grazie alle esperienze positive di chi ha già investito nelle imprese proposte. Professionisti e non, sono in grado di vedere presto la ricompensa attesa.

  • Si può effettuare un prestito a partire da 50€ e multipli
  • Non c’è un limite di investimento
  • Se si opera con carta di credito o di debito, il limite massimo è fissato a 1.500 €

Se un progetto non raggiunge l’obiettivo prefissato entro i termini previsti, viene restituito il capitale.

Il pagamento degli interessi dovuti avviene dopo trenta giorni dalla data di chiusura della raccolta, e comunque entro cinque giorni lavorativi.

Il saldo dell’intera quota capitale versata inizialmente avviene alla scadenza del prestito insieme al saldo dell’ultima rata.

Re-Lender non applica commissioni sui rendimenti a favore di chi ha effettuato il prestito. Ma si rivale sull’entità richiedente a cui chiede una parte del capitale raccolto.

Re-Lender – Quali rischi legati all’investimento

Con il lending crowdfunding, l’investitore effettua un vero e proprio prestito direttamente all’entità che promuove il progetto.

Si può paragonare al prestito obbligazionario per certi versi e a questo è legato sotto il profilo del rischio.

I prestiti sono caratterizzati da un tasso fisso, stabilito a monte e chiarito nelle condizioni di partecipazione all’investimento.

Come per qualsiasi altro investimento anche il lending crowdfunding comporta un rischio di perdita totale o parziale dell’importo investito.

La restituzione del finanziamento segue uno schema preciso, e per il quale si registrano recensioni positive:

  • Pagamento degli interessi a scadenza mensile
  • Saldo dell’intera quota capitale alla scadenza del prestito

Tanti apprezzano questa tipologia perché consente di reinvestire il capitale in nuovi progetti una volta terminato il finanziamento.

D’altra parte, espone a un rischio maggiore nel caso l’impresa dichiari di non essere in condizione di restituire l’intera cifra con l’ultima rata del finanziamento.

In quest’ultimo, malaugurato, caso è la stessa Re-Lender a farsi carico della procedura di recupero del credito. Ma è importante sottolineare che la piattaforma non è responsabile della regolarità nei pagamenti da parte dei richiedenti che ottengono il finanziamento.

Investi sui nuovi progetti di riqualificazione dopo il lockdown

Re-Lender – Come funziona

Quindi Re-Lender non assicura la garanzia del buyback, cioè non rimborsa direttamente i lender che hanno partecipato finanziando il progetto se dovesse andare male.

Re-Lender – Tassazione sulle rendite finanziarie

I prestiti effettuati tramite piattaforma di lending crowdfunding, o P2P lending, sono riconosciuti dal Testo Unico delle imposte sui redditi, TUIR, art. 44, comma 1, lettera d-bis, e a questi viene applicata l’imposta sui redditi.

Re-Lender agisce come sostituto d’imposta, sono autorizzati a operare la ritenuta del 26% sui redditi di capitale maturati dalle persone fisiche. L’imposta non viene applicata in base allo scaglione Irpef, ma è uguale per tutti.

Come avviene anche per altre piattaforme italiane che si servono di conti stranieri per effettuare le operazioni di raccolta e finanziamento dei progetti, anche Re-Lender si serve della collaborazione di un istituto straniero.

Solo nel caso di superare una giacenza media superiore a 5.000 € è necessario corrispondere l’Ivafe, cioè l’imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero.

Crowdfunding immobiliare

Società Valutazione Complessiva Preferenze
Concrete 5.0 69 Vedi Istituto
Crowdestate 4.0 4 Vedi Istituto
Housers 3.6 59 Vedi Istituto
Re-Lender 4.0 88 Vedi Istituto
Recrowd N/A Vedi Istituto
Trusters N/A 1 Vedi Istituto
5.0
Preferenze 69
Vedi Istituto
4.0
Preferenze 4
Vedi Istituto
3.6
Preferenze 59
Vedi Istituto
4.0
Preferenze 88
Vedi Istituto
N/A
Preferenze
Vedi Istituto
N/A
Preferenze 1
Vedi Istituto


Recensione di Re-Lender

Recensioni degli utenti
Filtra recensioni
Tutte le recensioni
In ordine
Più recenti
Più votato
Peggiore valutazione
Più utile
Luana Borsa 1 recensione | Settembre 2, 2020
Recensione Generale
Financer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star icon
Vantaggi
Bravissimi e preparati li ho scoperti dopo attenta verifica delle possibilità sul mercato italiano per investire piccole somme con buoni rendimenti. Da quando ho iniziato a investire su Re lender ho partecipato a un paio di progetti perché è davvero difficile rientrare nei nuovi lanci che in poche ore sono completamente finanziati.
Svantaggi
nulla per il momento
Pubblica
Pubblica una risposta
Gaspare Lillo 1 recensione | Agosto 28, 2020
Recensione Generale
Financer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star icon
Vantaggi
Non è facile trovare in Italia professionisti che lavorano così bene, li ho conosciuti quando lavoravo in azienda e ho scoperto una vera perla rara. Interessante anche il discorso della sostenibilità perché offre margini di investimento non ancora sfruttati da altri. Molto consigliato.
Svantaggi
Nessuno svantaggio per il momento
Pubblica
Pubblica una risposta
Tonino Maggio 1 recensione | Agosto 7, 2020
Recensione Generale
Financer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star icon
Vantaggi
Progetti industriali e di riqualifica molto interessanti per investire come un vero professionista. Il rendimento è pagato ogni mese e la piattaforma lavora come sostituto d’imposta, quindi non si deve pagare nulla su gli interessi maturati.
Svantaggi
Peccato ci siano così pochi progetti su cui investire
Pubblica
Pubblica una risposta
Matteo Riva 1 recensione | Luglio 25, 2020
Recensione Generale
Financer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star icon
Vantaggi
Progetti molto validi e personale molto preparato. Consiglio questa piattaforma senza dubbi.
Svantaggi
Nulla da segnalare, avanti così
Pubblica
Pubblica una risposta
Massimiliano Allegrotti 1 recensione | Luglio 4, 2020
Recensione Generale
Financer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star iconFinancer star icon
Vantaggi
Interessante soprattutto comparato ad altre piattaforme di investimento qui si possono percepire gli interessi maturati ogni mese. Inoltre non è prevista nessuna commissione per gli investitori. Davvero conveniente
Svantaggi
Peccato sia difficilissimo riuscire a investire in un progetto, perché si chiudono immediatamente dopo la pubblicazione
Pubblica
Pubblica una risposta

Valutazione & recensione Re-Lender

Vuoi saperne di più?

Visita il sito ufficiale per saperne di più su Re-Lender