Guida ai Tassi di Interesse

Tutte le informazioni sui principali tassi di interesse.

Scopri cosa sono TAN, TAEG, e gli altri tassi applicati ai prestiti e sui conti bancari!

Finanze Personali

Scopri le differenze tra i diversi tassi di interesse

Probabilmente hai sentito parlare di interessi reali, nominali e simili.

Ma sai davvero cosa significano? Non è facile e non devi preoccuparti di ciò, soprattutto se sei nuovo in questa giungla.

Gli interessi si applicano ai conti sia correnti che di deposito, ai finanziamenti e alle carte di credito. Per la loro natura, non si applicano invece a carte di debito e prepagate

Noi di Financer.com abbiamo perciò pensato di compilare una piccola guida ai tassi di interesse, utile per comprendere meglio le varie formule di calcolo applicabili alle richieste di prestito.

Diversi tassi di interesse

Interesse: la definizione

L’interesse nella sua accezione più semplice, non è altro che la remunerazione che un soggetto percepisce a fronte di un prestito concesso verso terzi.

Dal punto di vista del debitore invece, l’interesse rappresenta il costo da sostenere in ragione del finanziamento ricevuto.

Tasso di interesse nominale

trading borsa

Il TAN (acronimo per tasso annuo nominale) indica il tasso di interesse “puro” applicato a un prodotto finanziario.

Viene espresso in percentuale, su base annua e attraverso esso si calcola l’ammontare dell’interesse dovuto sul finanziamento.

Non sono invece considerati i costi di gestione e gli altri oneri accessori.

Tasso annuo effettivo globale

Avrete sicuramente sentito parlare di tasso di interesse effettivo, considerando che questo potrebbe essere il tasso più “più famoso” quando si parla di prestiti. Il tasso di interesse effettivo è un indicatore che include il tasso di interesse annuale del prestito più tutte le altre commissioni che il prestito comporta.

Ai sensi delle disposizioni di Banca d’Italia sulla trasparenza in adempimento della direttiva europea EU 2008/48/CE, a partire da Giugno 2011 il calcolo del TAEG comprende anche l’eventuale compenso riconosciuto dal cliente ad un intermediario del credito per l’ottenimento del finanziamento.

Tutti i servizi di Financer sono comunque gratuiti!

Tasso fisso e Tasso variabile

Un tasso di interesse fisso non varia nel tempo, il che significa che è il suo valore non cambierà per la durata del finanziamento.

Questo è, quindi, l’opposto del tasso di interesse variabile. Quando si prende un mutuo, di solito è possibile scegliere tra tasso fisso e tasso variabile: il primo offre la garanzia di un importo stabile nel tempo, mentre il secondo offre la possibilità di risparmiare se il livello dei tassi si abbassa, a fronte di qualche rischio in più.

Interessi sui depositi

Il tasso sui depositi mostra l’interesse annuale che la banca è disposta a pagare ai sottoscrittori di un conto deposito, ovvero a coloro che scelgono di mettere i propri risparmi in conti vincolati presso la banca.

Tasso di interesse del prestito

Questo è l’interesse che la banca addebita per i soldi che essa stessa presta ai suoi clienti.

Tasso mensile

interessi

Come si può intuire dal nome, questo è l’indicatore dell’interesse di un prestito su base mensile.

In realtà, il tasso viene sempre indicato su base annuale, ma può capitare che finanziamenti per bassi importi prevedano un breve periodo di rimborso.

Ad esempio, prendendo in prestito 3,000 € con un tasso mensile del 20%, pagheresti 600 € di interessi al mese!

Tasso di interesse reale

Il tasso di interesse reale è l’interesse che si ottiene se si calcola il tasso di interesse annuale del prestito attualizzato con l’inflazione. Tuttavia, è impossibile prevedere i tassi di interesse reali, quindi questa non è una misura che le banche usano.

I tassi della Banca Centrale Europea

tassi interesseTassi BCE

Ogni mese, la Banca Centrale Europea gestisce la politica monetaria con l’imposizione di tre tassi:

  • tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali
  • tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento marginale
  • tassi di interesse sui depositi presso la banca centrale

Il tasso sulle operazioni di rifinanziamento principali è il parametro di riferimento per il costo delle stragrande maggioranza delle operazioni finanziarie, compresi i prestiti e finanziamenti offerti da banche e istituti di credito.

Attualmente, il tasso di riferimento della BCE è del 0,75%.

I vari tassi stabiliti dalla BCE vengono chiamati anche tassi di riferimento, proprio per la loro funzione di guida per i prodotti finanziari offerti all’interno dell’Unione Monetaria Europea.

Euribor

L’Euribor è un tasso di riferimento, con il quale viene indicato l’interesse medio applicato sulle transazioni finanziarie in euro tra le banche europee.

Questo tasso è particolarmente importante per chi ha optato per un mutuo a tasso variabile, in quanto questi sono indicizzati al valore dell’Euribor.

Eurirs

Anche questo è un tasso di riferimento, aggiornato quotidianamente dalla Federazione bancaria Europea.

Il suo valore viene di solito utilizzato per i mutui a tasso fisso, fungendo da base sulla quale si va a calcolare poi uno spread applicato dall’istituto di credito.

Sull'autore

Rimani in contatto con Financer.com

Seguici su Facebook